domenica, 25 Settembre , 22

Pozzuoli, per la festa del papà screening alla prostata in ospedale dalle 8.00 alle 13.00


La salute dei papà va tutelata, per questa ragione i reparti di Oncologia e di Urologia del Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, nell’ambito delle iniziative portate avanti dagli ospedali italiani insigniti del Bollino Azzurro da parte della Fondazione Onda, apriranno le porte alla prevenzione contro il tumore della prostata domani 19 marzo.
Dalle 8.00 alle 13.00 i reparti di Oncologia e di Urologia accoglieranno gli uomini dai 18 anni in su per una visita di controllo. L’accoglienza avverrà nel reparto di Oncologia diretto da Gaetano Facchini e, dopo un prelievo per il dosaggio del PSA ed una prima visita informativa, coloro che arriveranno in reparto saranno guidati presso l’Urologia guidata da Giovanni Di Lauro. L’esame degli urologi si completerà con una visita ed un controllo ecografico.

Dice Gaetano Facchini, primario di Oncologia del Santa Maria delle Grazie: “Per cultura e mentalità noi uomini siamo meno abituati delle donne a sottoporci agli screening di prevenzione oncologica. Eppure si tratta di azioni semplici ed importantissime. Basta davvero poco per tutelare il nostro stato di salute. La festa del papà può essere un’occasione per dedicare un po’ di tempo a sé stessi ed alla propria salute”.
In Italia il cancro della prostata è il tumore più diffuso nella popolazione maschile e rappresenta il 18,5 per cento di tutti i tumori diagnosticati nell’uomo: le stime relative all’anno 2020 parlano di 36.074 nuovi casi l’anno a livello nazionale. Nonostante l’incidenza elevata, il rischio che la malattia abbia un esito infausto è basso, soprattutto se si interviene in tempo e, rispetto al 2015, nel 2020 è stata stimata una riduzione dei tassi di mortalità del (-15,6 per cento).

Dice Giovanni Di Lauro primario dell’Urologia di Pozzuoli “L’urologo oggi ha un’ampia gamma di possibilità di intervento sul tumore alla prostata grazie alle tecniche chirurgiche mini-invasive ed alle tecnologie ad Ultrasuoni; a Pozzuoli disponiamo di tutta la gamma di tecnologie utili ad intervenire su tale tumore. Tuttavia, la prima raccomandazione è sempre la stessa: la miglior terapia è lo stile di vita sano e la prevenzione.”

Per la giornata del 19 marzo le attività clinico-diagnostiche ed informative per la prevenzione del tumore della prostata con si svolgeranno a titolo totalmente gratuito.​


La salute dei papà va tutelata, per questa ragione i reparti di Oncologia e di Urologia del Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, nell’ambito delle iniziative portate avanti dagli ospedali italiani insigniti del Bollino Azzurro da parte della Fondazione Onda, apriranno le porte alla prevenzione contro il tumore della prostata domani 19 marzo.
Dalle 8.00 alle 13.00 i reparti di Oncologia e di Urologia accoglieranno gli uomini dai 18 anni in su per una visita di controllo. L’accoglienza avverrà nel reparto di Oncologia diretto da Gaetano Facchini e, dopo un prelievo per il dosaggio del PSA ed una prima visita informativa, coloro che arriveranno in reparto saranno guidati presso l’Urologia guidata da Giovanni Di Lauro. L’esame degli urologi si completerà con una visita ed un controllo ecografico.

Dice Gaetano Facchini, primario di Oncologia del Santa Maria delle Grazie: “Per cultura e mentalità noi uomini siamo meno abituati delle donne a sottoporci agli screening di prevenzione oncologica. Eppure si tratta di azioni semplici ed importantissime. Basta davvero poco per tutelare il nostro stato di salute. La festa del papà può essere un’occasione per dedicare un po’ di tempo a sé stessi ed alla propria salute”.
In Italia il cancro della prostata è il tumore più diffuso nella popolazione maschile e rappresenta il 18,5 per cento di tutti i tumori diagnosticati nell’uomo: le stime relative all’anno 2020 parlano di 36.074 nuovi casi l’anno a livello nazionale. Nonostante l’incidenza elevata, il rischio che la malattia abbia un esito infausto è basso, soprattutto se si interviene in tempo e, rispetto al 2015, nel 2020 è stata stimata una riduzione dei tassi di mortalità del (-15,6 per cento).

Dice Giovanni Di Lauro primario dell’Urologia di Pozzuoli “L’urologo oggi ha un’ampia gamma di possibilità di intervento sul tumore alla prostata grazie alle tecniche chirurgiche mini-invasive ed alle tecnologie ad Ultrasuoni; a Pozzuoli disponiamo di tutta la gamma di tecnologie utili ad intervenire su tale tumore. Tuttavia, la prima raccomandazione è sempre la stessa: la miglior terapia è lo stile di vita sano e la prevenzione.”

Per la giornata del 19 marzo le attività clinico-diagnostiche ed informative per la prevenzione del tumore della prostata con si svolgeranno a titolo totalmente gratuito.​

- IN TV -spot_img

Ultimi articoli pubblicati

-spot_img
-spot_img