mercoledì, 24 Luglio , 24

“Il riconoscimento più bello, vi voglio bene” Sulle mura del rione Amicizia la dedica “particolare” al prof Ascierto

Di Umberto Russo

Siamo un popolo generoso che ha da sempre una forte propensione al perdono. A Napoli non è vero che piangi due volte quando arrivi da turista e quando vai via, qui piangi solo se vai via perché lasci alle spalle l’affetto di un popolo che da sempre dà senza ricevere. Ma l’unica cosa che un napoletano doc non ti può mai perdonare è essere tifosi della vecchia signora. Eppure per il prof Paolo Ascierto, Napoli se vogliamo dirla tutta ha fatto un’eccezione. L’oncologo dell’Istituto Pascale di Napoli, pioniere della lotta al melanoma nel mondo e uomo del “tocilizumab”, il farmaco contro la polmonite severa sperimentato a Napoli durante la pandemia e poi approvato dall’Aifa e dall’OMS che lo ha definito indispensabile in alcuni casi clinici, ha ricevuto l’ennesimo riconoscimento dal popolo partenopeo e forse per certi versi il più bello, di gran lunga più emozionante dei tanti riconoscimenti scientifici ricevuti. Sulle mura del rione Amicizia, a pochi passi dall’ospedale San Giovanni Bosco, è apparsa una scritta: “Grazie Ascierto, grazie Paoletto, si nun fusse juventino fuss perfetto”. Un grande attestato di stima che arriva dalle viscere della città che ha emozionato il prof che con un post su Facebook ha voluto ringraziare la città di Napoli. 
Il post di Ascierto 
Potete credermi se vi dico che i riconoscimenti e i premi ricevuti quest’anno non potranno farmi sentire più orgoglioso di questa scritta affissa su un muro del rione Amicizia. Grazie a chi l’ha pensata e scritta. E chiedo scusa se non ripagherò mai tanto affetto rimanendo un imperfetto juventino.Vi voglio tanto bene !!!

Di Umberto Russo

Siamo un popolo generoso che ha da sempre una forte propensione al perdono. A Napoli non è vero che piangi due volte quando arrivi da turista e quando vai via, qui piangi solo se vai via perché lasci alle spalle l’affetto di un popolo che da sempre dà senza ricevere. Ma l’unica cosa che un napoletano doc non ti può mai perdonare è essere tifosi della vecchia signora. Eppure per il prof Paolo Ascierto, Napoli se vogliamo dirla tutta ha fatto un’eccezione. L’oncologo dell’Istituto Pascale di Napoli, pioniere della lotta al melanoma nel mondo e uomo del “tocilizumab”, il farmaco contro la polmonite severa sperimentato a Napoli durante la pandemia e poi approvato dall’Aifa e dall’OMS che lo ha definito indispensabile in alcuni casi clinici, ha ricevuto l’ennesimo riconoscimento dal popolo partenopeo e forse per certi versi il più bello, di gran lunga più emozionante dei tanti riconoscimenti scientifici ricevuti. Sulle mura del rione Amicizia, a pochi passi dall’ospedale San Giovanni Bosco, è apparsa una scritta: “Grazie Ascierto, grazie Paoletto, si nun fusse juventino fuss perfetto”. Un grande attestato di stima che arriva dalle viscere della città che ha emozionato il prof che con un post su Facebook ha voluto ringraziare la città di Napoli. 
Il post di Ascierto 
Potete credermi se vi dico che i riconoscimenti e i premi ricevuti quest’anno non potranno farmi sentire più orgoglioso di questa scritta affissa su un muro del rione Amicizia. Grazie a chi l’ha pensata e scritta. E chiedo scusa se non ripagherò mai tanto affetto rimanendo un imperfetto juventino.Vi voglio tanto bene !!!

- IN TV -spot_img

Ultimi articoli pubblicati

-spot_img
-spot_img