L’automedicazione e il ricorso ai farmaci senza obbligo di prescrizione, possono essere una risposta sicura ed efficace alla domanda di crescente autonomia di cura da parte dei cittadini. Ma per fare fronte a questa domanda, peraltro in continuo aumento, evitando usi inappropriati, è necessario che l’automedicazione diventi una scelta responsabile. Occorre quindi che la popolazione, sostenuta dalla consulenza di medici, farmacisti e operatori sanitari, sia sempre più consapevole, istruita e matura. Anche perché grazie a un’automedicazione responsabile si possono avere ricadute positive non solo sulla salute ma anche sulla sostenibilità del sistema. I farmaci di automedicazione possono infatti giocare un ruolo importante nelle politiche farmaceutiche generando risparmi per la spesa pubblica.

Questi i temi sotto i riflettori dell’evento “Self Care Forum” organizzato oggi a Napoli da Assosalute, l’Associazione nazionale farmaci di automedicazione, parte di Federchimica, con il patrocinio della Regione Campania. Obiettivo: trovare una convergenza positiva sul valore del settore e sul contributo pratico che può apportare nell’ambito della politica farmaceutica anche regionale. Quello nella città partenopea è il quarto evento regionale, dopo quelli organizzati in Puglia, Veneto e Liguria, e ha visto la partecipazione di Antonella Guida, Dirigente Staff Tecnico Operativo Direzione Generale Tutela della Salute e Coordinamento del Ssr, Enrico Coscioni Consigliere del Presidente per la Sanità, stakeholder, rappresentanti e attori della sanità campana, oltre che di Cittadinanzattiva e dei Presidenti Regionali di Federfarma, Fofi, Fimmg, Simg (vedi video interviste).

A seguire le interviste di Salute a tutti ad Antonella Guida, Direzione Generale Tutela della Salute e coordinamento del SSR Dirigente Staff Tecnico operativo e a Simona Creazzola, Presidente Nazionale SIFO

 

CONDIVIDI