Continua la cooperazione tra l’ospedale Cardarelli di Napoli e il Niguarda di Milano. A un anno dall’accordo siglato, che prevede tra l’altro lo scambio di buone pratiche ospedaliere, il primo importante risultato. A cerebrarlo in un convegno, tra gli altri specialisti intervenuti, il Dg del Cardarelli Ciro Verdoliva e il Dg del Niguarda Marco Bosio. “Per la prima volta in Campania si assiste a un trapianto di isole di Langherans, condizione che permetterà al pancreas di una paziente malata di produrre nuovamente insulina” spiega Verdoliva. Ma non è il primo traguardo raggiunto, frutto dell’intesa tra due eccellenze ospedaliere. “Proprio l’altro giorno abbiamo trapiantato 1600 cm quadrati di cute” aggiunge. Un giorno particolare, quello di ieri, anche per una ragione affettiva: l’Ing. Ciro Verdoliva ha infatti salutato i cardarelliani, alla cui guida ha prestato la sua lungimiranza e concretezza di manager per due anni e mezzo. Un nuovo incarico, quello di Commissario Speciale dell’Asl Napoli 1 lo attende; tra abbracci e commozione lascia il timone dell’Azienda Ospedaliera ad Anna Iervolino.

“Due strutture eccellenti che collaborano, l’una campana e l’altra lombarda. Oggi è un importante risultato, perché abbiamo assicurato in Campania un intervento che fino a poco tempo non veniva praticato” ha osservato il Dg del Niguarda Marco Bosio. “Un primo traguardo, parte di una serie di progetti comuni che continueremo a perseguire”.

CONDIVIDI