“Un grande mondo di sofferenza sociale”, quello cui appartengono famiglie e pazienti affetti da malattie rare. Un tema “che rimane quasi ai margini del dibattito pubblico nel nostro Paese”. Così ha raccontato in un’intervista il presidente della giunta regionale campana Vincenzo de Luca, a margine del convegno convegno “Integriamo l’Assistenza Sanitaria con l’Assistenza Sociale”, incontro organizzato dalla Regione Campania in occasione della Giornata Mondiale delle malattie rare. “Per parlarne bisogna avere un sistema di valori, altrimenti si rimane del tutto impassibili” afferma De Luca. La salvaguardia dell’umanità, valore in ribasso in questi tempi cattivi, è lo scopo dell’offerta sanitaria che vede ò’assistenza medica più che mai legata a quella sociale, per combattere le malattie rare. Il presidente della giunta ha richiamato inoltre l’attenzione sull’ombra del federalismo differenziato, la frantumazione del sistema sanitario nazionale con maggiori servizi in regioni del Nord e tagli alle risorse il regioni del Sud. “Già oggi la Campania è tra le regioni che ricevono meno fondi dal riparto sanitario” ha sottolineato. In merito ai molti provvedimenti risolutivi che stanno interessando gli ospedali campani, tra i quali il San Giovanni Bosco: “Si va avanti a carrarmato”.

CONDIVIDI