Nel 2017 in tutto il mondo sono stati circa 123 milioni i bambini, 9 su 10, che hanno ricevuto almeno una dose del vaccino contro difterite-tetano-pertosse. “Una immunizzazione che li ha protetti da infezioni che possono causare gravi malattie, invalidità o essere fatali”, sottolinea il report dell’Oms-Unicef pubblicato oggi. Dal 2015, la percentuale di bambini che hanno ricevuto il ciclo completo della vaccinazione di routine difterite-tetano-pertosse (Dtp3) è stata mantenuta sull’85% (116 milioni di bambini).

Nella regione africana la copertura per il vaccino Dtp3 rimane ferma dal 2010 al dato del 72%: “Questo significa che, per mantenere lo stesso livello di copertura, nel 2017 dovevano essere vaccinati 3,2 bambini in più”, evidenzia il report, che sottolinea la necessità di “ulteriori sforzi per raggiungere la copertura universale delle vaccinazioni”. Dei quasi 20 milioni di neonati che non sono stati completamente vaccinati con Dtp3, quasi 8 mln (il 40%) vivono in ambienti fragili o con crisi umanitarie – evidenzia il report – compresi quelli dei Paesi colpiti da conflitti. E circa il 5,6 mln risiedono in soli tre Paesi: Afghanistan, Nigeria e Pakistan, dove l’accesso ai servizi di vaccinazione è fondamentale per raggiungere e sostenere l’eradicazione della polio.

CONDIVIDI