Non essere ascoltati dal partner non puo’ solo rovinare la propria vita, ma puo’ anche accorciarla. Uno studio dell’Universita’ di Edimburgo, pubblicato sulla rivista Psychosomatic Medicine, ha dimostrato che coloro che vivono con un partner poco attento a quello che gli si dice sono piu’ stressati e fanno piu’ fatica a gestire le emozioni quotidiane. L’accumulo di tutto questo stress, nel lungo periodo, potrebbe essere sufficiente per aumentare fino al 42 per cento le probabilita’ di morire prematuramente. Secondo l’American Psychological Association, lo stress cronico e’ collegato alle sei principali cause di morte, che sono le malattie cardiache, il cancro, le malattie polmonari, gli incidenti, le cirrosi epatiche e il suicidio. Nello studio i ricercatori hanno coinvolto 1.200 persone di eta’ compresa tra i 24 e i 74 anni, sposate o che convivevano con un partner. I partecipanti sono stati seguiti per 20 anni e sono stati invitati a riferire quanto pensassero di essere ascoltati, capiti, curati e apprezzati dal proprio partner sia all’inizio dello studio che 10 anni dopo. Hanno anche compilato rapporti periodici, registrando qualsiasi evento stressante quotidiano, come problemi a casa o a lavoro, e le emozioni conseguenti. Riferivano quindi quando sentivano emozioni negative, come paura, disperazione, frustrazione e ansia, ed emozioni positive, come allegria, calma, soddisfazione e orgoglio. Ebbene, i ricercatori hanno scoperto che le persone che non rispondevano bene allo stress quotidiano erano quelle che sentivano il proprio partner meno attento negli ultimi 10 anni. E hanno scoperto che le persone con partner meno attenti si sono ritrovate con un rischio superiore del 42 per cento di morire entro i 20 anni dallo studio. “I risultati suggeriscono che se le persone hanno qualcuno a cui rivolgersi e che pensano possano sostenerle, si sentono aiutate ad affrontare lo stress della vita quotidiana”, dice Sarah Stanton, autrice principale dello studio, secondo cui questo potrebbe fare la differenza sulla lunghezza della vita. 
CONDIVIDI