Il Carnevale, una festa che piace in particolare ai bambini. E che fa bene alla loro creativita’ oltre che alla socializzazione, anche nel caso dei piu’ timidi. Per vivere l’occasione in allegria, salute e sicurezza, tra maschere e dolcetti, il provider ECM 2506 Sanita’ in-Formazione, e la pediatra Lucilla Ricottini, in collaborazione con Consulcesi Club, lanciano oggi Sabato grasso un vademecum in cinque punti per un Carnevale non solo a misura di bambino, ma anche di mamma e papa’.
1) LA SCELTA DELLA MASCHERA TRA RISPARMIO, TRADIZIONE E CAPRICCI
E’ giusto lasciare che il bambino scelga il costume da indossare, senza imporgli nulla che possa risultargli sgradito o addirittura spaventare i piu’ piccoli. Ma non e’ obbligatorio compare mascheramenti costosi, anzi confezionare in casa il travestimento con l’aiuto dei piccoli e’ un’occasione che stimola la creativita’. Se invece si compra il vestito, bisogna fare attenzione alla scelta dei tessuti e dei colori, che devono essere atossici e antiallergici. Meglio effettuare un lavaggio prima dell’uso e mai metterlo a contatto diretto con la pelle.
2) SI’ AI DOLCI, MA CON MODERAZIONE E MEGLIO SE FATTI IN CASA
Impossibile resistere alle delizie tipiche del Carnevale: tra frappe, castagnole e tutte le varianti regionali, lo strappo alla regola e’ dietro l’angolo. L’importante e’ moderare le quantita’ e, per i genitori appassionati di cucina, sfruttare l’occasione per sfornare golosita’ insieme ai bambini. E’ una preziosa occasione per passare del tempo in famiglia, giocando e sperimentando diverse ricette. Meglio cuocere al forno ed evitare la frittura, usare l’olio d’oliva e non il burro, ed evitare allergizzanti come frutta secca, latte e derivati e uova.
3) UNA BELLA PASSEGGIATA COMPENSA GLI STRAVIZI
Anche i piccoli piu’ pigri, pur di sfoggiare il travestimento e godersi la festa, si presteranno volentieri a una bella camminata che consentira’ di alleggerire il carico dei troppi dolci mangiati.
4) Attenzione alla SICUREZZA:
schiume e stelle filanti spray possono nascondere delle insidie. I genitori controllino attentamente che non vengano spruzzate addosso ne’ ai bambini ne’ agli adulti perche’ il rischio che possano provocare irritazioni alla pelle o finire negli occhi e’ molto alto. Attenzione anche ai piccoli coriandoli: spiegate ai vostri bambini che non e’ opportuno lanciarli direttamente sul volto degli altri, perche’ potrebbero finire in bocca e causare senso di soffocamento.
5) MASCHERARSI FA BENE ANCHE AI GRANDI.
Via libera, dunque, alle maschere anche per mamma e papa’: niente che li faccia sentire a disagio, anche solo qualche piccolo accessorio. Potranno cosi’ evadere per qualche ora dagli stress e dai problemi della vita quotidiana e i bambini si divertiranno nel vederli in versione buffa, pronti a prestarsi al gioco.
CONDIVIDI