È stato dimesso dall’ospedale Monaldi di Napoli Vincenzo Langella, 19 anni, che ha avuto un trapianto di cuore dopo sei mesi di attesa e dopo aver vissuto per un periodo con il cuore artificiale. Lo fa sapere la mamma Mena che afferma: «Si è trattato del dono di un angelo che gli ha regalato una nuova speranza di vita….a lui, al suo coraggio ed a quello della sua famiglia, va il mio pensiero d’amore».

«A mio figlio che ha mantenuto il sorriso dando coraggio anche a me con la sua forza ho promesso che sarebbe uscito – aggiunge Mena – e se accade oggi devo ringraziare la professionalità e la dedizione del dottor Andrea Petraio e del dottor Ciro Maiello e del personale medico e infermieristico del reparto di Cardiochirurgia del Monaldi. Ho avuto la fortuna di trovarmi in un luogo dove sanno usare la tecnologia per salvare la vita, “Il cuore di Berlino”, grazie alla quale Vincenzo ha potuto attendere il dono, sono pochi i centri in Italia dove si utilizza questo impianto».

Vincenzo indossa con orgoglio le scarpe, erano mesi che desiderava indossarle «per calpestare la strada della rinascita» e con gli occhi sorridenti, dietro la mascherina, manda un «in bocca al lupo» al piccolo Alessio, attualmente ricoverato con un “berlin heart”. «Tutti facciamo il tifo affinché possa tornare a tirare calci ad un pallone, lo lascio in buone mani» dice Vincenzo, «questi dottori sono i miei eroi».

CONDIVIDI