Il segretario del sindacato di polizia Equilibrio Sicurezza, Vincenzo Chianese, condivide le iniziative del Ministro dell’interno, Matteo Salvini, che punta a regolamentare per legge l’utilizzo delle pistole Taser ed a estenderlo a tutti i corpi di polizia. “Leggiamo con stupore – afferma Chianese – che Amnesty International scriva al Capo della Polizia Gabrielli per domandare se ‘sia stato effettuato uno studio sui rischi per la salute e garantita una formazione specifica e approfondita per gli operatori che ne verranno dotati, in linea con gli standard internazionali e in particolare con i Principi guida delle Nazioni Unite'”. Chianese ribadisce che “la formazione che e’ stata impartita e’ perfettamente idonea ad evitare che le pistole ad impulsi elettrici vengano usate come arma di routine per far rispettare la legge in assenza di una minaccia di lesioni gravi o morte, dunque in modo non conforme agli standard internazionali sui diritti umani”, specificando che, come le armi da fuoco, “il Taser deve essere utilizzato solo in presenza di un pericolo attuale e secondo un principio di proporzionalita’ rispetto alla minaccia”. “Condividiamo in pieno, dunque – prosegue il sindacalista – le iniziative annunciate dal ministro dell’Interno, tendenti a regolamentarne per legge l’utilizzo ed estenderlo a tutti i corpi di polizia, comprese le Polizie locali perche’ questo strumento verra’ utilizzato in molte delle situazioni in cui oggi sarebbe oggi previsto l’utilizzo delle armi da fuoco e, quindi, in linea generale, i danni agli aggressori diminuiranno anziche’ aumentare rispetto al passato”.

CONDIVIDI