L'ospedale Monaldi

Mario Caiazzo

Non sembrano bastare le rassicurazioni che nei giorni scorsi il commissario dell’Azienda ospedaliera dei Colli, Giuseppe Matarazzo, aveva dato sia al Comitato dei genitori dei trapiantati sia a Federconsumatori Campania.
Il commissario aveva, infatti, inviato in Regione la richiesta per il ripristino del servizio relativo ai trapianti di cuore pediatrici presso l’ospedale Monaldi. La sospensione dura dalla fine del 2016. Ma i genitori hanno aspettato qualche giorno e poi hanno chiesto di essere ricevuti dal governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che ricopre anche il ruolo di commissario ad acta della Sanità. Appoggiati da Federconsumatori hanno intenzione di andare direttamente dai vertici di Palazzo Santa Lucia, affinché possano vedere prese in considerazione le loro richieste.

Il presidente di Federconsumatori Campania, Rosario Stornaiuolo

Tornando alla sospensione, sono arrivate prima le diffide e poi l’esposto alla Procura della Repubblica. L’associazione presieduta da Rosario Stornaiuolo, con l’appoggio dell’avvocato Carlo Spirito, aveva prodotto un dettagliato dossier presentando esposto contro il Monaldi, per presunta interruzione di pubblico servizio. Il problema di fondo rilevato, secondo Ferderconsumatori, è quello relativo alla «mancanza di presupposti di collaborazione tra i reparti interessati, cioè tra il CentroTrapianti e la Cardiochirurgia pediatrica». Problemi di «incomunicabilità insanabile» che perdurerebbero. Tutto ciò, insieme ad altri fattori, impedirebbe la ripresa del servizio al Monaldi.

Il governatore Vincenzo De Luca

La situazione sembrava aver trovato dei miglioramenti durante i giorni scorsi, ma adesso i genitori, stanchi di attendere oltre, hanno chiesto di poter essere ricevuti direttamente dal governatore della Campania Vincenzo De Luca.