Promettono di guarire dal jet lag, dai postumi della sbronza, persino dall’influenza, e hanno fan del calibro di Rihanna e Cindy Crawford. L’ultima follia ‘sanitaria’ che viene dagli Usa sono le ‘stanze della flebo’, riporta la Cbs, ma per gli esperti queste terapie a base di soluzione salina e integratori al massimo sono inutili, anche se possono provocare anche dei danni. I ‘trattamenti’ offerti nelle stanze che stanno sorgendo in tutti gli Usa contengono di solito vitamine, sali minerali, e farmaci da banco, come gli anti nausea nel caso dell’hangover. Il costo va da 80 a 875 dollari, e la pratica e’ non regolata da autorita’ di controllo. Proprio la cifra pagata, afferma Noah Rosen, direttore dell’Headache Center del Northwell Health’s Neuroscience Institute, e’ la chiave del successo di queste ‘terapie’. “Piu’ si spende migliore e’ il placebo – spiega Rosen -. Per forza le persone dopo la flebo si sentono meglio, hanno appena speso 100 dollari per questo motivo”. In realta’, affermano gli esperti, non ci sono prove che questi trattamenti funzionino, e non sono esenti da rischi. “Se fatte impropriamente le flebo possono provocare un’embolia, o il liquido puo’ andare nei tessuti – sottolinea Stanley Goldfarb della University of Pennsylvania -. Inoltre possono esporre le persone a infezioni, e se non si fa attenzione alla velocita’ di infusione si puo’ distruggere il bilancio degli elettroliti, il che potenzialmente puo’ causare rigonfiamento del cervello, insufficienza cardiaca o danni ai reni”.

CONDIVIDI