E’ stato sospeso per dieci mesi dalla professione un ortopedico, in servizio in un ospedale della provincia di Chieti, che proponeva farmaci scontati e cure mediche immediate ed esenti da ticket ai pazienti che accettavano di acquistare medicinali nella parafarmacia del figlio. La misura di interdizione, disposta dal gip del tribunale di Chieti, e’ stata notificata dai carabinieri del comando provinciale, assieme ai colleghi del Nas di Pescara, a un noto medico di Ortona, 68 anni, accusato di vari reati, fra cui abuso d’ufficio. Secondo quanto emerso dalle indagini, l’ortopedico aveva indotto centinaia di pazienti ad acquistare prodotti nella parafarmacia del figlio quarantenne, denunciato per gli stessi reati contestati al padre. Gli inquirenti hanno rilevato un ingente danno economico per la Asl, che si e’ tradotto in un indebito profitto per il farmacista. La vicenda viene a galla nel 2016, allorquando il dirigente medico in servizio presso un nosocomio della provincia teatina, ortopedico con un’attivita’ esclusivamente ambulatoriale, viene segnalato agli inquirenti poiche’, in occasione di visite ambulatoriali effettuate nell’espletamento dei propri turni di lavoro, avrebbe reiteratamente consigliato ai pazienti l’acquisto di farmaci presso la parafarmacia di proprieta’ del figlio, promettendo in cambio uno sconto sul prezzo di vendita del farmaco ed un’immediata esecuzioni di cure specialistiche. Gli accertamenti e l’escussione di molti pazienti ha confermato la condotta del medico ed evidenziava, inoltre, condotte omissive nei confronti di coloro che non si avvalevano della parafarmacia indicata. Sebbene, poi, il medico sia stato destinatario di un “avviso di garanzia”, ha reiterato, in violazione di precise norme, le condotte illecite, ritenute configurare l’abuso d’ufficio, con il medesimo modus operandi. Il Gip, pertanto, al fine di interrompere la sistematicita’ della violazione ha condiviso la richiesta del Pm di applicare la misura della sospensione dall’esercizio del pubblico servizio per 10 mesi.

CONDIVIDI