Mario Caiazzo

Settant’anni, di Torre Annunziata. E’ stata condotta presso il Pronto soccorso dell’ospedale di Boscotrecase in seguito a una influenza. La donna, stando alla denuncia dei familiari, sarebbe vittima di un presunto caso di malasanità. Vagliando quanto contenuto nell’esposto presentato alle forze dell’ordine, la Procura della Repubblica di Torre Annunziata ha deciso di aprire un fascicolo d’inchiesta ed il pm titolare delle indagini ha inserito nel registro degli indagati, con l’ipotesi di reato di omicidio colposo, il nome di un camice bianco del drappello di primo soccorso del nosocomio.

La Procura di Torre Annunziata

Stando a quanto ricostruito finora, la donna che presentava i sintomi dell’influenza, per precauzione, è stata condotta dai familiari presso l’ospedale di Boscotrecase, data la vicinanza dal comune in cui risiedeva, Torre Annunziata. Per motivi che sono al vaglio della magistratura e – lo ribadiamo – in fase di ricostruzione, alcune ore dopo il ricovero è deceduta. I familiari hanno quindi deciso di avvertire le autorità competenti ed hanno sporto denuncia di quanto accaduto. La salma è stata sequestrata, come pure la cartella relativa all’anziana. Poi la decisione di indagare un medico del Pronto soccorso con l’accusa di omicidio colposo.

L’ospedale di Boscotrecase

Non è la prima volta che presso il nosocomio si registrano decessi su cui hanno puntato i riflettori gli inquirenti. Tra i più recenti quello di un 74enne di Boscoreale morto ad aprile del 2017. Tornando alla vicenda dell’anziana di Torre Annunziata, le indagini sono partite immediatamente e all’inizio dell’anno si è passati – come da prassi – ad ascoltare quali persone informate dei fatti, alcuni medici presenti presso il Pronto soccorso nel periodo di tempo in cui è avvenuto l’excursus ospedaliero della donna.