Una dose settimanale di olio d’oliva potrebbe funzionare meglio dei farmaci per aiutare a migliorare la prestazione di un uomo in camera da letto, suggerisce una nuova ricerca. Sono stati gli scienziati dell’Università di Atene a misurare la dose ottimale di ‘oro verde’ da consumare per fare scintille: ne bastano appena 9 cucchiai per ridurre il pericolo di impotenza di circa il 40%.

Lo studio, presentato al Congresso dell’European Society of Cardiology (Esc) a Monaco di Baviera, è stato condotto su 660 uomini con un’età media di 67 anni e ha rilevato che coloro che adottano una dieta mediterranea – ricca di frutta e verdura, legumi, pesce – hanno meno problemi a letto e vedono persino migliorare le loro performance. L’olio d’oliva, ‘re’ dell’alimentazione sana, può aiutare a migliorare la circolazione e ad aumentare drasticamente i livelli di testosterone, riducendo il rischio di disfunzione erettile. La ricercatrice Christina Chrysohoou ha ricordato che la dieta e l’esercizio fisico sono fondamentali per migliorare la capacità sessuale degli uomini di mezza età. “Se seguono una dieta mediterranea, in particolare consumando molto olio d’oliva – ha precisato – possono ridurre il loro rischio di impotenza fino al 40%”.

Piccoli cambiamenti nello stile di vita potrebbero dunque rivelarsi più vantaggiosi rispetto all’uso di medicinali, specie per coloro che cercano una soluzione a lungo termine. E soprattutto vuole azzerare il rischio di effetti collaterali dei farmaci, che includono mal di testa, mal di schiena e disturbi visivi.

CONDIVIDI