Doctors income

La Legge 104 riconosce l’invalidità Inps anche ai soggetti affetti da depressione certificata da una commissione medica. Il cosiddetto ‘mal di vivere’ è inserito fra le patologie invalidanti che danno diritto ai benefici della legge 104. Si sa che le forme severe di depressione possono incidere negativamente sulla qualità della vita sociale e anche lavorativa. Nei casi peggiori- quelli in cui la depressione condiziona apertamente la vita lavorativa del malato- viene applicata la legge 104 per depressione. All’invalido viene riconosciuta una prestazione o una forma di assistenza proporzionata alla percentuale di invalidità riconosciuta.

Qualora il lavoratore depresso venisse riconosciuto portatore di handicap grave avrà diritto a tutti i benefici inseriti nella legge 104 fra i quali i permessi retribuiti mensili, la scelta della sede di lavoro, il rifiuto al trasferimento e varie agevolazioni dal punto di vista fiscale. Spetterà al medico curante valutare l’entità dello stato depressivo del paziente. Lo stesso medico redigerà un certificato medico introduttivo nel quale dovrà essere indicata chiaramente l’entità dell’invalidità riscontrata e dell’handicap. Il certificato verrà poi trasmesso telematicamente all’Inps.

Una volta che verrà allegato il numero di protocollo del certificato, la domanda viene inviata telematicamente all’Inps. La domanda di invalidità potrà essere inviata anche tramite patronato o Contact Center. Successivamente l’Inps fisserà un appuntamento con la commissione medica Asl. Qualora la persona affetta da depressione non fosse in grado di recarsi all’Inps, sarà la commessione medica a recarsi presso l’abitazione del malato.

CONDIVIDI