“Ho chiesto al Ministro della Salute, Giulia Grillo, cosa intenda fare il Governo per tutelare medici e infermieri che troppo spesso vengono aggrediti nel corso delle attivita’ di soccorso. Oltre tremila casi di aggressioni sono stati rilevati negli ultimi tempi nel nostro Paese. Di questi solo un terzo sonostati regolarmente denunciati. Nel corso delle attivita’ di verifica della Commissione Affari sociali e’ emerso che il 65% del personale sanitario ha subito almeno una volta un’aggressione fisica o verbale. Una vergogna che deve finire. Per superare i limiti di una legislazione che obbliga le vittime a denunciare, ho proposto il riconoscimento della qualifica di pubblico ufficiale al personale sanitario per far si’ che abbia una tutela giuridica speciale. Per superare l’obbligo della denuncia, visto che in questo caso l’indagine si avvierebbe automaticamente, e per dissuadere ulteriormente eventuali aggressori dal compiere questi atti. Non trovo soddisfacente la risposta data dal ministro Grillo nel corso del “questiontime” quando afferma che sara’ prevista un’aggravante nel codice penale per chi aggredisce medici e infermieri nel corso delle loro attivita’. Troppo poco. Quando il testo di legge del Governo, oggi all’attenzione della Conferenza StatoRegioni, arrivera’ in Commissione Affari sociali, daremo battaglia per difendere gli operatori sanitari offrendo loro strumenti validi per prevenire ulteriori violenze ai loro danni”. Lo ha dichiarato Michela Rostan, Vicepresidente della Commissione Affari sociali.
CONDIVIDI