E’ tecnicamente riuscito l’intervento di trapianto della faccia eseguito su una donna di 49 anni presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Sant’Andrea.

Alle 5 di domenica mattina, dopo 27 ore, si è conclusa l’operazione in cui si sono alternate in sala equipe di chirurghi, anestesisti e infermieri strumentisti. La donna, sottoposta a terapia immunosoppressiva antirigetto, è in coma farmacologico indotto ed è in isolamento in terapia intensiva in prognosi riservata. La paziente era affetta da neurofibromatosi di tipo I, una malattia genetica che causa gravi manifestazioni sulla pelle, negli occhi e nervose.

Il trapianto multitessuto, con pelle, fasce muscolari e cartilagine ha richiesto tre anni di preparazione, da parte dell’organizzazione e del personale. La donatrice è una 21enne morta in un incidente stradale che ha donato anche fegato e reni.

Nel mondo sono già stati realizzati una cinquantina di trapianti di faccia, in Europa una decina e la maggior parte di questi in Francia.

CONDIVIDI