Non si tratta di un vero e proprio lifting, ma di una procedura piu’ discreta che garantisce tuttavia di ritrovare la compattezza della pelle nella zona trattata. Caratterizzati da un lento riassorbimento (circa 180 giorni), da lunga tenuta e soprattutto da ridotta colonizzazione batterica, i fili in Pdo sono dispositivi medici in materiale sintetico, utilizzati per dare sostegno al sottocute e alle strutture profonde, dove hanno un effetto stimolante sulla proliferazione del collagene.

Hanno dunque una duplice azione: quella di sostegno e quella di biostimolazione. Ma cosa avviene se si combina l’uso dei fili in Pdo con un altro trattamento, il filler, per migliorare per esempio l’aspetto di una zona tanto protagonista del nostro volto quanto delicata e soggetta ai segni del tempo come le labbra? Lo ha spiegato la dottoressa Patricia Frisari, vicepresidente della Societa’ argentina di Medicina Estetica (Soarme), intervenendo a Roma al 39esimo Congresso nazionale della Sime. “L’azione combinata di questi due device- ha detto- ha effetti migliorativi sensibili nell’area delle labbra: e’ infatti subito possibile apprezzare un rinforzo del derma in zone vulnerabili, come l’arco di cupido.

C’e’ poi una ridefinizione netta dei contorni delle labbra, soprattutto quando si effettua il trattamento nelle donne in menopausa con rughe peribuccali. È inoltre comprovato che i due dispositivi interagiscono positivamente tra loro, perche’ se da un lato la durata dei fili in Pdo e’ maggiore quando si trovano vicini a un filler di acido ialuronico, la collocazione di questi ultimi viene facilitata dall’utilizzo dell’ago del filo come guida”. Ma quali filler si utilizzano in combinazione con i fili nel trattamento delle labbra? “Personalmente uso filler per la definizione insieme a dei fili Pdo lisci, da 30 o 31 x 40mm- ha risposto la dottoressa Frisari- che abbiano una percentuale bassa di reticolato, cioe’ una densita’ bassa poiche’ composti da un numero minore di fibre di polidiossanone, e siano in virtu’ di questo parametro piu’ facilmente riassorbibili dall’organismo”. In questo modo l’effetto della definizione e’ molto sottile e naturale”.

CONDIVIDI