I diabetici hanno un rischio aumentato di cancro a fegato, vescica, pancreas, utero e colon retto. E’ quanto si rileva in uno studio sulla popolazione della provincia di Reggio Emilia curato dal Servizio di epidemiologia dell’Azienda Usl. La ricerca, pubblicata sulla rivista “BMC Cancer”, ha seguito per quattro anni (dal 2010 alla fine del 2013) 407mila residenti nella provincia di Reggio, di cui 23mila (5,7%) diabetici ed e’ stato realizzato grazie alla valutazione comparata dei dati del registro Tumori e del registro Diabete. Studi epidemiologici hanno evidenziato l’associazione tra il diabete e alcuni tipi di cancro, individuando l’iperglicemia e l’iperinsulinemia quali potenziali cause dell’aumento del rischio. La valutazione comparata dei dati contenuti nei due registri realizzata a Reggio Emilia ha posto a confronto all’interno di una popolazione l’incidenza dei tumori nei soggetti con e senza diabete e ha valutato nei diabetici il rischio di cancro in rapporto alla durata del diabete e delle terapie ipoglicemizzanti impiegate. Nei pazienti con diabete di tipo 2 si e’ osservata una progressione del rischio di cancro all’aumentare della complessita’ delle terapie ipoglicemizzanti.

In particolare, nei diabetici in terapia esclusivamente nutrizionale si presentava un rischio solo lievemente aumentato (10%) che incrementava progressivamente nei pazienti trattati con ipoglicemizzanti orali (22%), nei pazienti in terapia insulinica (32%), per raggiungere i massimi livelli nei soggetti in terapia combinata insulina e ipoglicemizzanti orali (37%). Per quanto riguarda la durata del diabete, il maggior eccesso di incidenza si e’ verificato nei soggetti con durata compresa tra 6 e 10 anni (44%). Nei soggetti con diabete di tipo 1 invece, il rischio di sviluppare neoplasie e’ risultato simile a quello della popolazione dei non diabetici. La riflessione dei ricercatori si e’ soffermata, in un primo momento, sul ruolo dell’insulina esogena, l’ormone che viene somministrato per consentire all’organismo di utilizzare il glucosio. Questa viene associata, anche in altri studi, a un incremento del rischio cancerogeno. Tuttavia, l’assenza di rischio in soggetti con diabete di tipo 1 sembrerebbe non confermare un ruolo diretto della terapia insulinica. L’ipotesi dei ricercatori sarebbe dunque che a causare l’incremento del rischio di tumore sia la maggiore gravita’ del diabete. “Gia’ altri studi – spiega Massimo Vicentini, ricercatore del Servizio di epidemiologia dell’Azienda Usl – avevano visto che il diabete e’ un fattore di rischio per l’insorgenza del cancro. Noi abbiamo costruito un disegno di studio piu’ accurato che ha permesso di misurare meglio l’incidenza dei tumori nell’intera popolazione diabetica: i nostri dati confermano un aumentato del rischio di cancro del fegato, colon-retto e corpo dell’utero nella popolazione diabetica, mentre – conclude – ridimensionano l’eccesso di rischio per il cancro del pancreas rispetto a molti dei precedenti studi. Solo per il cancro della prostata il diabete e’ un fattore protettivo”.

CONDIVIDI