Chi falsifica medicinali nell’Ue puo’ essere condannato a 15 anni, se viene ‘beccato’ in Austria, Slovenia o Slovacchia, e pene pecuniarie che possono arrivare a un milione di euro, come successo in Spagna. I dati sono contenuti nel primo rapporto sul sistema di allerta rapido pubblicato dalla Commissione Europea. Il documento ha censito le condanne a cui hanno portato oltre 400 segnalazioni tra il 2013 e il 2017. “Anche se il rapporto dimostra che le misure prese dagli Stati Membri sono soddisfacenti – afferma il commissario alla Salute Vytenis Andriukaitis -, le pene sono efficaci solo se sono applicate. Chiedo a tutti i paesi Ue di fare in modo che i criminali che falsificano i farmaci siano puniti. Dopo tutto e’ una pratica che puo’ uccidere”. Tutti gli stati membri, spiega il documento, applicano condanne criminali o civili per la falsificazione di farmaci. Le multe variano tra 4300 euro in Lituania al milione di euro in Spagna, con l’Italia che ha registrato un massimo di 15600 euro. Per quanto riguarda il carcere le pene vanno da sei mesi a 15 anni, con l’Italia tra i piu’ severi, con condanne anche a 12 anni.

CONDIVIDI