Torna la paura per Pelé. L’ex campione brasiliano, per molti il più grande calciatore mai esistito alla pari se non superiore a Maradona, dopo il suo incontro di ieri sera a Parigi con Kylian Mbappé si è sentito male nella sua stanza d’albergo e nella notte è stato ricoverato in ospedale. C’è preoccupazione per la “perla nera” tre volte campione del mondo, ma trapela un certo ottimismo circa le sue condizioni. Pelé, 78 anni, e con diversi problemi di salute alle spalle, è stato colto da spasmi e febbre alta in piena notte ed è stato ricoverato per motivi precauzionali. A quanto si apprende non sarebbe in prognosi riservata.

Ieri sera, il leggendario numero 10 del Brasile aveva incontrato – in una serata organizzata da uno sponsor per la radio RMC – la star dei Bleus Kylian Mbappé, dichiarando che il giovane francese gli assomiglia nel gioco e che meriterebbe prima o poi di vincere il Pallone d’Oro. «Il re resta sempre il re», ha risposto Mbappé.

L’incontro era stato organizzato per l’autunno 2018 ma era stato rinviato per le condizioni di salute di Pelé. Il brasiliano, ai Giochi Olimpici del 2016, era apparso in condizioni fisiche precarie e non riuscì ad accendere la torcia olimpica a Rio. Al sorteggio dei Mondiali 2018 si presentò in sedia a rotelle per i postumi di un’operazione all’anca. Nel novembre 2014 fu ricoverato in un reparto intensivo di ospedale per una grave infezione urinaria.

CONDIVIDI