Parte come una sperimentazione, ma ha tutti i numeri per entrare a far parte dei modelli sanitari che stanno segnando la svolta della sanità in Campania. È il progetto di consulenza specialistica pediatrica garantita dalle Asl della Regione Campania “CO.S.PED”, un’iniziativa che assicura continuità assistenziale nei giorni festivi e prefestivi dal 20 aprile al primo maggio. “La Regione Campania vuole sperimentare un modello integrato di Cure Primarie attivando ambulatori dedicati per consulenze pediatriche nei giorni festivi e prefestivi di famiglia” spiega la dott.ssa Antonella Guida Dir. Dip. Generale Tutela della salute Regione Campania. “L’obiettivo è intercettare le richieste assistenziali specialistiche senza gravare sui pronto soccorsi. Il periodo pasquale seguito da 2 festività infrasettimanali può generare accessi impropri in ospedale e distogliere risorse alle emergenze e urgenze. È coperto l’intero territorio regionale su quasi tutti i distretti sanitari. Verificheremo l’efficacia del modello a valle del periodo e ne valuteremo la replicabilita’”. 

Il progetto nasce nell’ambito della collaborazione avviata in seno al Comitato Regionale per la Pediatria tra i sindacati di categoria e la competente Unita’ Operativa Materno Infantile della Direzione Regionale. Un arco di tempo “franco” dalle consuete preoccupazioni dei genitori, che dalle 8 alle 20, presso le sedi dei distretti di competenza troveranno un pediatra pronto a visitare gratis bambini e ragazzi con meno di 16 anni. 

“L’obiettivo – spiega il vice presidente nazionale Fimp Antonio D’Avino – e’ ridurre attraverso il potenziamento delle cure pediatriche territoriali il ricorso ai Pronto Soccorso, lo faremo grazie a questo progetto di consulenza specialistica pediatrica “Cosped” e naturalmente grazie alla disponibilita’ su base volontaria dei nostri iscritti e dei colleghi specialisti presenti nella graduatoria regionale per la pediatria di libera scelta”.

Una possibilità anche per gli stessi pediatri, dunque, che permette, come spiega D’Avino di “aprire le porte ai giovani colleghi che sono in graduatoria regionale per la pediatria di libera scelta, che in media sono quarantenni ma che purtroppo non hanno ancora un contratto a tempo indeterminato”.

Entusiasmo per l’iniziativa da parte delle Asl del capoluogo campano.

“L’obiettivo è quello di essere al fianco dei piccoli pazienti e delle loro famiglie” ribadisce il commissario straordinario Asl Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva, “evitando anche ricoveri inappropriati nei Pronto Soccorso ospedalieri”.

Sul territorio dell’ASL Napoli 1 Centro sono ben quattro gli ambulatori pediatrici attivati ad hoc dalle 8.00 alle 20.00 dal 20 aprile al 1 maggio (ad esclusione dei giorni 23, 26 e 29).
Distretto Sanitario di Base 26 di Via Canonico Scherillo,
Distretto Sanitario di Base 29 del Presidio San Gennaro in Via San Gennaro dei Poveri
Distretto Sanitario di Base 32 in Via Fratelli Grumi
Distretto Sanitario di Base 33 di Piazza Nazionale.

L’ elenco completo di ambulatori, giorni ed orari di attività sono consultabili sui siti  delle ASL campane.

 

 

 

 

CONDIVIDI