Sono 20, vengono dalle Filippine e sono tutti oncologi. Il volo da Singapore è partito ieri per portarli questa mattina all’ Istituto Pascale e già domani li riporterà a casa. Il motivo? Assistere a una lezione sulle innovative tecniche multidiscoplinari e robotiche che si praticano nel più grande polo oncologico del Mezzogiorno nel campo dei tumori testa collo. In cattedra il chirurgo Franco Ionna, il ricercatore Franco Buonaguro e il radioterapista Paolo Muto. A organizzare il volo che li ha portati a Napoli l’agenzia internazionale Proxymm Science che ha segnalato il Pascale come centro di eccellenza per la cura dei tumori testa-collo e proprio a Napoli ha voluto promuovere il primo congresso euro asiatico di patologie cervico facciali.
Per i 20 oncologi una toccata e fuga anche se tra le Filippine e il Pascale sono state gettate le basi per future collaborazioni. Per l’Irccs partenopeo un altro sasso lanciato nel progetto di internazionalizzazione avviata oramai 3 anni fa dalla direzione Bianchi.
“È un onore per noi – dice il direttore generale – l’interesse manifestato dall’agenzia Proxymm Science per averci scelto come polo di riferimento per il trattamento dei tumori di questo distretto. Ennesima testimonianza del successo che sta riscuotendo il Pascale a livello internazionale”.

CONDIVIDI