La Societa’ Italiana di Psichiatria intende promuovere un’indagine sull’opinione degli psichiatri italiani riguardo al termine ‘schizofrenia’. In molte parti del mondo le associazioni dei pazienti e dei familiari hanno cominciato a contestare l’utilizzo del termine ‘schizofrenia’, ritenendolo potenzialmente dannoso perche’ gravato da una connotazione talmente negativa da ledere l’immagine pubblica delle persone che soffrono del disturbo. Anche dall’interno del campo dei professionisti della salute mentale si sono levate alcune voci critiche rispetto al termine ‘schizofrenia’. Secondo qualche autore, infatti, il termine e’ fuorviante, non fornisce alcuna informazione pregnante rispetto alla natura fondamentale del disturbo e alla sua struttura psicopatologica di fondo e si e’ dimostrato di limitata utilita’ sul piano pragmatico, non fornendo indicazioni utili rispetto ai bisogni terapeutici, decorso ed esiti dei pazienti. Da piu’ parti si e’ cominciato quindi a chiedersi se non sia il caso di cambiare nome alla ‘schizofrenia’. In realta’ in alcuni paesi dell’estremo oriente – primo fra tutti il Giappone, seguito poi da Corea del Sud e Taiwan – il termine e’ stato ufficialmente espunto dal lessico psichiatrico e sostituito con altra denominazione meno connotata negativamente. Questo cambiamento ha portato alcuni vantaggi, sia per i clinici che – ed e’ quello che piu’ importa – per i pazienti e i loro familiari. L’indagine a cui la Sip chiede di partecipare si avvale dell’utilizzo di un questionario autocompilato, sviluppato a partire dalla versione inglese di uno strumento gia’ utilizzato in analoghe ricerche (es. sui membri della Section on Classification, Diagnostic Assessment and Nomenclature della World Psychiatric Association, sui membri della Section on Schizophrenia sempre della World Psychiatric Association e sui membri della Section on Schizophrenia della European Psychiatric Association). È possibile scaricare qui il questionario sul termine schizofrenia (http://www.psichiatria.it/wp-content/uploads/2017/07/Questionario -sul-termine-schizofrenia.pdf) e resituirlo via e-mail all’indirizzo di posta elettronica segreteria@psichiatria.it.
CONDIVIDI