“Grazie per il lavoro che fate ogni giorno con le vostre mani, con il vostro cuore e con la vostra mente per aiutare milioni di pazienti oncologici a uscire dal tunnel. Datemi le vostre mani, perché sono quelle che voglio benedire. E datemi il vostro cuore, affinché il Signore vi guidi nel lavoro che fate”. Così Papa Francesco ha ringraziato gli oncologi di Aiom (Associazione italiana di oncologia Medica) e Fondazione Aiom nel corso dell’udienza questa mattina in Vaticano.

“Ringraziamo il Santo Padre – hanno affermato Stefania Gori, presidente Aiom, e Fabrizio Nicolis, presidente della Fondazione – per la sua vicinanza ai pazienti e al lavoro degli oncologi”. Gori e Nicolis, che hanno ricevuto la benedizione del Pontefice, gli hanno presentato il progetto “Cancro, la prevenzione non si ferma dopo i 65 anni”, illustrato poi nel dettaglio in un convegno nazionale in Vaticano.

CONDIVIDI