Ogni anno, piu’ di 300mila donne muoiono a causa di un cancro al collo dell’utero. Un gravissimo bilancio destinato ad aumentare, se non si agisce sulla prevenzione e sulla diagnosi precoce. Questo, in estrema sintesi, il messaggio lanciato dall’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) in un servizio pubblicato sul suo sito. L’Oms stima che le morti per cancro del collo dell’utero aumenteranno di quasi il 50 per cento entro il 2040. Attualmente questa forma di tumore viene diagnosticata a piu’ di mezzo milione di donne. Ogni minuto, nel mondo c’e’ una donna che riceve una diagnosi. “Si tratta di una delle maggiori minacce alla salute delle donne”, dice l’Oms. “Ogni morte e’ una tragedia e puo’ essere prevenuta. La maggior parte di queste donne – continua – non riceve una diagnosi tempestiva e non ha accesso ai trattamenti salvavita”.

CONDIVIDI