Gia’ diffuso negli Stati Uniti, l’olio di cannabis sativa legale arriva in Italia e permettera’ ai padroni di cani e gatti di curare i propri animali domestici. La novita’ e’ stata introdotta nel nostro Paese da Weedentity, la prima start-up italiana, creata da quattro giovani imprenditori napoletani under 40, che lancia l’uso aromaterapico del cannabidiolo. L’olio per la pet therapy contiene il 5% di CBD, un principio attivo naturalmente presente nelle piante di cannabis, che ha proprieta’ antinfiammatorie e antiossidanti, per combattere e prevenire stati di ansia, panico o insonnia. E’ indicato soprattutto per la cura di cani che manifestano comportamenti aggressivi o di gatti sterilizzati per un migliore decorso post operatorio. Gli oli sono prodotti in Svizzera con metodi naturali che escludono l’uso di pesticidi o sostanze chimiche, hanno un’origine al 100% vegetale, provengono da coltivazioni biologiche indoor e sono esportati da una societa’ lussemburghese. Sono testati due volte e analizzati da laboratori svizzeri e, una seconda volta, da laboratori italiani certificati dal ministero della Salute. “Abbiamo deciso di aprire quest’attivita’ attraverso il varco legislativo che si e’ aperto nel 2016”, racconta Chiara Basile, che insieme ai suoi tre soci ha dato vita alla start-up Weedentity e aperto un sito di e-commerce. “La legge 242 del 2016, infatti, ha dato il via libera all’uso di prodotti realizzati con cannabis sativa entro precisi limiti di THC, uno dei principi attivi della cannabis. E’ stato un primo passaggio importante – spiega – perche’ apre all’uso di quella che forse e’ la pianta piu’ criminalizzata del mondo ma dalle enormi potenzialita’. Adesso e’ necessario fare un ulteriore passo in avanti per il riconoscimento anche a fini terapeutici. I nostri oli per cani e gatti, e’ bene ricordarlo, non hanno effetti psicoattivi ma solo miorilassanti. Gli animali, cioe’, non vengono ‘sedati’: come afferma l’Organizzazione Mondiale della Sanita’ – continua Basile -, il CBD, l’unico cannabinoide presente negli oli, non crea dipendenza ne’ danneggia la salute e ha proprieta’ terapeutiche”. 
CONDIVIDI