Si chiama Tumor Mutational Burden (TMB), cioè carico mutazionale del tumore il nuovo test, presentato oggi, che misura il numero di mutazioni nel tumore. Attraverso sequenze di scatti è infatti possibile seguire le alterazioni molecolari del tumore, e assegnare a ciascun paziente l’immunoterapia – mirata a risvegliare il sistema immunitario contro il cancro – più giusta e personalizzata.

«Il TMB, che sarà disponibile entro alcuni mesi, rientra nel concetto di medicina di precisione – spiega Nicola Normanno, direttore Dipartimento Ricerca Traslazionale dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli -. È uno strumento prezioso perché può permettere di identificare i pazienti che potrebbero rispondere alla immunoterapia. Studi recenti infatti hanno dimostrato che questo tipo di trattamento è più efficace nei tumori con un alto numero di mutazioni».

Le neoplasie con un TMB elevato sono soprattutto quelle del polmone, vescica, gastrointestinali e il melanoma. La validità di questo nuovo test biomarcatore è stata dimostrata nello studio di fase III CheckMate-227: «I risultati positivi dello studio stabiliscono il potenziale di TMB come importante biomarcatore predittivo per la selezione dei pazienti candidabili al trattamento di combinazione con due molecole immunoterapiche, nivolumab e ipilimumab, nel tumore del polmone non a piccole cellule avanzato», afferma Federico Cappuzzo, direttore dipartimento oncoematologia dell’Ausl Romagna. Significativi i risultati: il tasso di sopravvivenza libera da progressione della malattia a un anno era più del triplo con la combinazione immunoterapica (43%) rispetto alla chemioterapia (13%). Ci stiamo cioè avvicinando alla «concreta possibilità di abbandonare la chemioterapia nel trattamento di molte persone, pari a circa il 40%, colpite da questa neoplasia in fase avanzata. Sicuramente – conclude Cappuzzo – un grande vantaggio per i pazienti».

CONDIVIDI