Fa tappa a Napoli, sabato 21 aprile, la Campagna informativa e di sensibilizzazione sull’idrosadenite suppurativa (HS), malattia invalidante che si manifesta con la formazione di cisti, ascessi e lesioni. Una patologia misconosciuta, e difficile da diagnosticare, ma molto dolorosa. Patrocinata da Inversa Onlus, l’associazione fondata nel 2010 da Giusi Pintori, l’iniziativa prevede visite dermatologiche gratuite presso la Dermatologia dell’Aou Federico II di Napoli, dove è attivo da 6 anni un ambulatorio dedicato all’idrosadenite. «Abbiamo in cura 130 pazienti, la maggior parte di sesso femminile con un’età inferiore ai 50 anni», spiega la professoressa Gabriella Fabbrocini, che dirige l’ambulatorio. «Abbiamo avviato una stretta collaborazione con il medico di base e il pediatra – aggiunge – per il riconoscimento di tale patologia. E disponiamo di un laser neodimio di nuova generazione e di strumentazione di terapia fotodinamica che consente ottima compliance e aderenza terapeutica»

CONDIVIDI