Impfung
La vaccinazione anti-Hpv “mostra un ulteriore decremento nell’ultimo anno”. Lo rileva il ministero della Salute, nella relazione sui dati nazionali al 2017 sulle coperture vaccinali per Papillomavirus umano. “Il valore di copertura vaccinale media per Hpv nelle ragazze è più basso, come prevedibile, nell’ultima coorte (2005), target primario dell’intervento vaccinale, rispetto alle coorti precedenti in cui prosegue l’attività di recupero – riporta il report – I dati 2017, relativi alla coorte 2005, mostrano un ulteriore decremento della copertura nell’ultimo anno, visibile soprattutto per il ciclo completo (49,9%) mentre per la prima dose è del 64,3%”. La vaccinazione anti-Hpv è offerta gratuitamente e attivamente alle bambine nel dodicesimo anno di vita (11 anni compiuti) in tutte le Regioni e Province autonome dal 2007-2008.

In dettaglio il rapporto evidenzia che “i dati relativi alle coorti più vecchie (1997-2001), per le quali l’offerta vaccinale si mantiene gratuita in quasi tutte le Regioni fino al compimento del diciottesimo anno, si attestano su una copertura del 73-76% per almeno una dose di vaccino e del 69-72% per ciclo completo; circa il 4% delle ragazze di ogni coorte ha iniziato ma non completato il ciclo vaccinale”. I dati evidenziano un’ampia variabilità delle coperture vaccinali (ciclo completo) tra le Regioni e Province autonome per tutte le coorti. Secondo il ministero della Salute, “sarebbero necessari interventi in specifici contesti geografici tenendo presente che la vaccinazione anti-Hpv, pur non rientrando tra quelle obbligatorie secondo la legge Lorenzin, è un Lea (Livello essenziale di assistenza)”.

“La copertura vaccinale media per Hpv nelle ragazze è discreta se si confrontano i dati con altre nazioni europee, ma ben al di sotto della soglia ottimale prevista dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale (95%) – ricorda il ministero – Anche a livello regionale, nessuna Regione o Provincia autonoma raggiunge il 95% in nessuna delle coorti prese in esame. Le coperture per le ragazze sono comprese in un range 35,7-79,9% per la coorte 2003, 35,4-78,9% per la coorte 2004 e 30,5-75,5% per quella del 2005”.  Nel Piano nazionale di prevenzione vaccinale (Pnpv) 2017-2019 e nei nuovi Lea – ricorda il ministero – la vaccinazione gratuita nel corso del dodicesimo anno di età è prevista anche per i maschi, a partire dalla coorte 2006. L’offerta attiva, tuttavia, raggiungerà la piena operatività nel corso del 2018.

Ma sottolinea il report: “La copertura vaccinale media per Hpv nei ragazzi è molto lontana dagli obiettivi previsti dal Pnpv 2017-2019, che identifica una soglia graduale del 60% per il 2017, fino al 95% nel 2019 – evidenzia l’indagine – Coperture vaccinali migliori si osservano nelle Regioni e Province autonome che avevano esteso l’offerta attiva e gratuita anche ai ragazzi già prima dell’approvazione del Pnpv”.

“Infine, sono 7 le Regioni e Provincie autonome che non hanno fornito dati di copertura vaccinale per Hpv nei ragazzi, per la coorte (2005) che poteva essere oggetto di chiamata attiva e gratuita già nel corso del 2017 e la cui chiamata potrà essere avviata anche nel corso del 2018”, conclude il report.

CONDIVIDI