Si è accasciato all’improvviso mentre giocava, Lorenzo, un 13enne di Via Foria. Ne dà notizia Il Mattino. Il ragazzino era monitorato, seguito dalla famiglia, i certificati medici in regola. I genitori non si danno pace. Il dramma martedì sera, durante il solito allenamento. Lorenzo si trovava sul campetto di calcio della struttura sportiva allestita a palazzo Fuga, in piazza Carlo III. Il ragazzo è stato sottoposto inizialmente a un massaggio cardiaco dagli addetti della società sportiva da cui è partita anche la chiamata registrata dal centralino del 118 alle ore 19.05.  Sul posto sono arrivate due ambulanze che hanno effettuato manovre salvavita e prestato le prime cure al ragazzino, trasportandolo d’urgenza all’ospedale San Giovanni Bosco dove i sanitari hanno continuato a rianimarlo per 40 minuti. Il 13enne è giunto al nosocomio in condizioni critiche e non ha più ripreso i sensi. La morte per arresto cardiocircolatorio, ma la polizia indaga sulle cause. Sulla salma sarà effettuata autopsia. Gli investigatori hanno posto sotto sequestro anche il defibrillatore che sarebbe stato utilizzato dagli esperti della società per prestare il primo massaggio cardiaco e un farmaco per trattamento dell’asma, che era in una tasca degli abiti di Lorenzo.

 

CONDIVIDI