Davide Astori. ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI

Un lutto che ha sconvolto il mondo del calcio italiano potrebbe riservare ancora spiacevoli sorprese. C’è una svolta nelle indagini sulla morte di Davide Astori, il 31enne capitano della Fiorentina stroncato da un malore nel sonno, nel marzo scorso.  La procura di Firenze ha emesso due avvisi di garanzia nell’ambito dell’inchiesta sulla morte del capitano della Fiorentina nei riguardi di due medici che risultano indagati per il reato di omicidio colposo. Secondo quanto appreso, si tratterebbe di due professionisti che lavorano in strutture pubbliche incaricate di certificare l’idoneità sportiva, una con sede a Firenze e l’altra con sede a Cagliari.

CONDIVIDI