Un volo di emergenza dell’aeronautica militare da Catania a Napoli ha trasportato ieri all’Ospedale pediatrico Santobono un neonato in pericolo di vita. Ha appena una settimana di vita, il piccolo, atterrato da un Falcon 900 e accompagnato da un genitore in una corsa contro il tempo. Il volo è stato autorizzato dalla Prefettura di Messina. Quella che a noi sembra un’impresa eccezionale è in realtà routine per il reparto di Nefrologia Pediatrica del Santobono, diretto dal Prof. Carmine Pecoraro. Salute a tutti ha contattato lo stimato Primario, per saperne di più dell’attività di una vera e propria eccellenza sanitaria made in Naples.

 

Prof. Pecoraro, come sono le condizioni di salute del neonato trasportato ieri dalla Sicilia al reparto di Nefrologia Pediatrica da lei diretto?

La situazione è in miglioramento. Il piccolo è affetto da un’insufficienza renale molto grave, complicanza di un intervento chirurgico. Aveva bisogno di una dialisi extracorporea, il così detto “rene artificiale” per bambini, e a Messina non dispongono di questa attrezzatura.

 

Potrà riacquistare l’uso indipendente dei reni?

Per il momento è tutto ancora da vedere, dipende tutto dalla ripresa, per ora la situazione è sicuramente migliorata.

 

Vi capita spesso di accogliere bimbi provenienti da altre parti d’Italia?

Certo. Proprio stanotte intorno alle 3-4 è arrivato un neonato di 4 giorni, proveniente da Avellino. A causa di una grave malattia metabolica il suo corpo produce ammoniaca, è arrivato qui con livelli alti di ammoniaca nel sangue, il suo corpo provato dall’ammoniemia. Il rene artificiale viene impiegato anche per purificare il sangue da immettere nuovamente in circolo.

 

Possiamo vantarci, in un Sud sempre messo all’indice per casi di malasanità, di ospitare un’eccellenza sanitaria: il Santobono, non soltanto per le attrezzature ovviamente, ma anche per i professionisti che le adoperano?

Certo, i macchinari vengono utilizzati da personale altamente specializzato, esperto in circolazione extracorporea: sono competenze che richiedono precisi studi e comprovata esperienza.

CONDIVIDI