Colpire la sanità è colpire la salute. Lo ribadiscono i medici e i dirigenti sanitari che scendono “in piazza per la sanità pubblica e la dignità del loro lavoro”, con un sit-in mercoledì 17 ottobre, alle 11, davanti a Montecitorio a Roma.

I sindacati della dirigenza del Ssn chiedono “finanziamento adeguato del Fondo sanitario nazionale, assunzioni, contratto di lavoro. Subito!”, sottolineano nella locandina Anaao Assomed, Cimo, Aaroi-Emac, Fp Cgil medici e dirigenti Ssn, Fvm federazione veterinari e medici, Fassid (Aipac-Aupi-Simet-Sinafo-Snr), Cisl medici, Fesmed, Anpo-Ascoti-Fials medici, Uil Fpl coordinamento nazionale delle aree contrattuali medica, veterinaria sanitaria.

CONDIVIDI