La Fimmg, Federazione italiana medici di medicina generale, ha inviato una lettera-appello al ministro della Salute Giulia Grillo: “Tenere aperta la graduatoria del Corso di formazione specifica in Medicina generale almeno fino a settembre 2019”.

“Siamo sulla strada giusta, finalmente si investe di più sui giovani medici grazie a più di duemila borse per diventare medico di famiglia nel triennio 2018-2021. Di qui ai prossimi mesi ci saranno, però, tappe importanti alle quali non possiamo arrivare impreparati, e tantomeno possiamo rischiare di sciupare il lavoro fatto”, così Silvestro Scotti, segretario generale della Fimmg, mette in guardia, come già fatto durante le riunioni di settembre scorso al ministero con le Regioni sul tema, dal rischio che molte borse per l`accesso al Corso di formazione specifica in Medicina generale vadano perdute “per quello che potrebbe essere considerato, a torto, solo un dettaglio”.

“Diversi giovani medici – spiega Scotti – potrebbero essere assegnatari di una borsa per la formazione nell`area della Medicina generale, ma di fatto, soprattutto i più giovani appena abilitati, potrebbero poi optare per accedere alla specialistica in altre aree nei concorsi che si terranno durante l’estate 2019. Così facendo, alla luce di quello che ad oggi è il limite temporale – due mesi – per lo scorrimento della graduatoria per l`accesso al Corso di formazione specifica in Medicina generale, diverse borse potrebbero andare perse”.

CONDIVIDI