Ci sono alcuni composti naturali, trovati in campioni di suolo, che potrebbero essere utilizzati con successo per combattere le infezioni difficili da trattare. Si tratta delle malacidine, che nei test condotti da un gruppo di ricercatori della Rockefeller University di New York si sono dimostrate in grado di combattere diverse malattie batteriche che sono diventate resistenti alla maggior parte degli antibiotici esistenti, incluso il superbatterio Mrsa. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Microbiology, offrono nuove speranza nella corsa alla ricerca di nuovi antibiotici efficaci. Le malattie resistenti ai farmaci, infatti, rappresentano una delle maggiori minacce per la salute globale. Si stima che uccidano circa 700mila persone all’anno. Secondo i ricercatori americani, il suolo e’ ricco di milioni di microrganismi diversi che producono molti composti potenzialmente terapeutici, compresi gli antibiotici. Le malacidine sono alcune di queste sostanze promettenti. Testate sui topi infettati dal superbatterio Mrsa, sono state in grado di eliminare l’infezione nelle ferite della pelle. Ora i ricercatori stanno lavorando per migliorare l’efficacia del composto nella speranza che possa essere sviluppato un vero e proprio farmaco per le persone.

CONDIVIDI