«L’ospedale incontra il territorio, nuove tecnologie e nuove risposte assistenziali». Sabato, a partire dalle ore 9, a Palazzo Migliaresi del Rione Terra a Pozzuoli, il direttore generale della Asl Napoli 2 Nord. Antonio D’Amore illustrerà nel corso di una lunga giornata, i passi avanti compiuti negli ultimi anni dall’ospedale Santa Maria delle Grazie, divenuto polo di eccellenza. «Con questo convegno pone l’obiettivo di mettere a disposizione della medicina del territorio le eccellenze professionali, tecnologiche e organizzative che il Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli sta riuscendo ad esprimere negli ultimi anni».
Le innovazioni tecnologiche introdotte presso l’Ospedale Santa Maria delle Grazie, a servizio del territorio, includono la diagnostica per le immagini, la diagnostica cardiologica, la chirurgia mini e microinvasiva high- technology di alta specialità, l’impiego delle cellule staminali nella medicina rigenerativa dell’apparato muscolo scheletrico. E ancora una sala operatoria per la parascopia integrata 3D, il neuronavigatore, lo stone center per la calcolosi renale. È previsto il saluto del sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia. Interessante giornata di interventi, con la partecipazione di tutti i primari dei reparti della struttura della Schiana: moderati dal direttore sanitario della Asl Napoli 2 Nord, Maria Virginia Scarfato, ci saranno le relazioni di Alfonso Ragozzino, Gerolamo Sibilio, Raffaele De Falco, Giovanni Di Lauro, Felice Pirozzi, Antonio Pasquale D’Amato, Mario Sbordone, Fabio Giuliano Numis, Francesco Diurno, Filippo Bove. Alle 12 previsti gli interventi dei partecipanti e una discussione aperta tra il territorio e l’ospedale con il dibattito moderato da Domenico Adinolfi e Pietro di Girolamo Medici di Medicina Generale.

CONDIVIDI