“Federico Ruffo è un giornalista che avuto il coraggio di affrontare una questione spinosa e quanto mai attuale e di raccontarla senza filtri e con la professionalità che lo contraddistingue”. Lo afferma in una nota Beatrice Lorenzin, leader civica popolare ed ex ministro della salute.

“L’atto intimidatorio di cui è stato vittima – continua – è un atto grave che chiama in causa tutti, perché ad essere in pericolo è il diritto all’informazione, ad informare e ad essere informati”.

“Quindi oltre ad esprimere la mia solidarietà a Federico e la mia vicinanza a quanti, come lui, sono costretti a lavorare in un clima di insicurezza, auspico che si faccia luce al più presto su quanto accaduto e che si adotti ogni strumenti utile affinché venga garantita tutela ai professionisti dell’informazione”, conclude l’ex ministro.

CONDIVIDI