Mario Caiazzo

Dato per assodato che le estorsioni alla ditta American Laundry fossero state principiate dal clan dei casalesi in un periodo compreso tra il 2000 e il 2001, c’è comunque da ribadire un concetto: il ruolo strategico dell’ospedale Vecchio Pellegrini, una sorta di crocevia degli affari illeciti compiuti tra le cosche casertane e quelle napoletane. Come scrivono i magistrati nell’ordinanza eseguita nel 2013, «il dato incontrovertibile su cui convergono tutti i collaboratori di giustizia è che Ciro Lepre (reggente dell’area del Cavone) sin dagli albori della vicenda estorsiva percepiva, in qualità di capo del clan che controllava la zona dove insiste l’ospedale Vecchio Pellegrini, la tangente versata dalla ditta American Laundry».

La Procura di Napoli al Centro direzionale

Si tratta, secondo i magistrati, di una somma di denaro non meglio precisata e variabile ma che era stata determinata  «a seguito di azioni intimidatorie eseguite dagli uomini del clan su disposizione dell’indagato. Il suo coinvolgimento nella esecuzione della attività estorsiva, dunque, appare pacificamente accertato convergendo sul punto tutti i collaboratori che direttamente o indirettamente hanno avuto contatti con lui nel corso degli anni». I clan avevano sviluppato un sistema molto efficace per il pagamento delle estorsioni, naturalmente sempre sotto il vessillo della minaccia.

Quando ad esempio la ditta era in ritardo con la quota mensile, il clan del Cavone avvisava i casalesi che provvedevano immediatamente ad avvertire i responsabili dell’American Laundry.

Restando sulla cosca guidata da Ciro Lepre, si sarebbero registrati problemi con la corresponsione delle prime rate, poiché finivano ai Mallardo, nonostante il Vecchio Pellegrini si trovasse nella zona controllata da quelli del Cavone. Un intervento dei casalesi appianò anche questa controversia. Appare comunque evidente che il flusso di affari dell’American Laundry attirasse e coinvolgesse un numero sensibile di organizzazioni camorristiche, che a parere dei magistrati, pur considerando il clima di intimidazione instaurato, avrebbero trovato per anni resistenza minima da parte dei responsabili della ditta.