“Ringrazio le forze politiche e il presidente della Giunta regionale che si è fatto portatore in ogni luogo dell’esigenza della Campania per avere la spalmatura in 20 anni, cosa che dal 2018 ci consentirà di fare delle rettifiche al bilancio di previsione 2018-2020”. Lo ha detto l’assessore al Bilancio della Regione Campania, Lidia D’Alessio, intervenuta in Consiglio regionale nel corso della seduta sul Defr, commentando l’approvazione da parte della Commissione Bilancio della Camera dell’emendamento per consentire alle Regioni di ripianare e spalmare fino a 20 anni il disavanzo accertato al 31 dicembre 2015.

“Nel 2013 un decreto ha consentito di sistemare una serie di partite – ha ricordato D’Alessio – in particolare nella sanità, spalmando in 30 anni il ripiano e portando una serie di liquidità. Ciò è valso per tutte le Regioni, in particolare una serie di Regioni che erano nelle stesse condizioni della Campania, mentre alcune non ne avevano bisogno. Noi dovevamo fare quasi un’operazione doppia per le esigenze della Campania in quel momento, cosa non fatta e si è perso il treno per spalmare il ripiano in 30 anni. Non abbiamo potuto farlo neanche nel 2014, perché non esisteva la spalmatura in 30 anni, massimo 10. Nel 2015 ci siamo trovati strozzati con una spalmatura a 3 anni. La spalmatura a 20 anni – conclude – consentirà di fare delle rettifiche al bilancio di previsione 2018-2020, e speriamo di far respirare tutta la struttura”.

CONDIVIDI